Enjector

Enex Srl / Enjector

Migliora l’efficienza dei sistemi a CO2

La tecnologia enjector è una soluzione per il recupero dell’energia contenuta nel fluido ad alta pressione in uscita dal condensatore/gas cooler che migliora l’efficienza dei sistemi a CO2. L’energia recuperata viene impiegata per ottenere in modo semplice il cosiddetto “surriscaldamento zero” negli evaporatori, senza il costo e la complessità associati al pompaggio di liquido refrigerante.

Con le soluzioni esistenti, il limite principale all’aumento della pressione di aspirazione è dato dalla necessità di mantenere almeno una differenza di temperatura da 7 a 10K tra l’aria e l’evaporazione; questo per evitare che la presenza di liquido nei condotti di aspirazione dei compressori ne causi la rottura.

Con il nuovo sistema enjector, questo vincolo viene completamente eliminato. La temperatura di evaporazione risulta essere sempre la massima ammissibile dal carico termico.

Soluzione senza ENJECTOR®
Soluzione con ENJECTOR®

La tecnologia enjector

Con il sistema enjector, il vincolo della minima differenza di temperatura all’evaporator viene completamente eliminato. La temperatura di evaporazione risulta essere sempre la massima ammissibile dal carico termico.

Massimo COP (coefficente di Performance) e, conseguentemente un consumo di energia ridotto al minimo.

Massima semplicità: è richiesto solamente un sensore di temperatura per ogni evaporatore.

Minimo costo: installazione più semplice e cilindrata ridotta dei compressori.

Massima affidabilità: si evita completamente il ritorno di liquido ai compressori.

Nessuna manutenzione aggiuntiva:Enjector è un componente statico senza parti in movimento, non è quindi soggetto all’usura e al deterioramento della parte meccanica.

Ciclo frigorifero con ENJECTOR®

Configurazione impianto:

– ricevitore intermedio
– ricevitore/evaporatore bassa pressione
– eiettore di liquido e vapore

A)

Normalmente (negli impianti tradizionali) l’alimentazione degli evaporatori è controllata a surriscaldamento ela pressione di evaporazione è bassa a causa dell’utilizzo inefficiente della superficie di scambio termico.

B)

Con l’eiettore di liquido è possibile “pompare” il liquido in eccesso nel ricevitore intermedio e incrementare la pressione di evaporazione riducendo il consumo di energia.

C)

L’eiettore di vapore permette di trasferire portata di vapore dai compressori principali al compressore ausiliario riducendo ulteriormente il consumo di energia.

La sovralimentazione (o overfeeding) degli evaporatori rappresenta un modo semplice per migliorarne le prestazioni: l’effetto sull’efficienza del sistema è immediato.
Enex ha sviluppato fin dal 2011 un metodo innovativo per sovralimentare leggermente gli evaporatori. Dato che la superficie di scambio termico dell’evaporatore è interamente utilizzata alla temperatura di evaporazione, la pressione dell’evaporatore può essere facilmente aumentata ottenendo le stesse prestazioni in termini di temperatura dell’aria; qualsiasi aumento della temperatura di evaporazione si riflette positivamente sul COP.
La metodologia sviluppata e ampiamente collaudata include l’utilizzo di eiettori bi-fase per rimettere in circolo il liquido in eccesso che fuoriesce dagli evaporatori come in (fig.2). L’eiettore rappresenta quindi un dispositivo conveniente ed affidabile per pompare gratuitamente il liquido.
A questo punto, il passo successivo nel recupero dell’energia di espansione è quello di utilizzare gli eiettori per “supportare” il ciclo frigorifero con economizzatore, in modo da recuperare la maggior quantità di energia possibile, anche durante il periodo invernale, aumentando grazie agli eiettori la portata elaborata dai compressori ausiliari e riducendo di una quantità uguale la portata elaborata dai compressori con pressione di aspirazione più bassa. Questa disposizione è estremamente flessibile e la capacità di regolazione del sistema non è compromessa dalle prestazioni degli eiettori (Fig.3).

Figura 2
Figura 3